Intervista a Gilberto Mora, Presidente di Compagnia del Cioccolato, sull’evento: Un mare di cacao - I cioccolati del mediterraneo

Cos’è Compagnia del Cioccolato?

E’ la più longeva e autorevole associazione che fino dal 1995 si occupa di promuovere la cultura del cacao e del cioccolato di alta qualità. Gli amanti del cioccolato ed i consumatori in genere si possono iscrivere e partecipare a tutte le innumerevoli attività didattiche: corsi, singole serate di degustazione, visite ai cioccolatieri, viaggi nelle piantagioni di cacao, Master di specializzazione per diventare Chocolate Taster, eventi nazionali e internazionali, il Premio Tavoletta d’Oro che seleziona dal 2002 i migliori cioccolati italiani.


Ci racconti il tuo percorso che ti ha portato a diventare Presidente di Compagnia del Cioccolato e poi referente e selezionatore di cacao aromatico in Venezuela?

Le due attività sono assolutamente correlate. Da giornalista enogastronomico e ideatore di documentari sul cibo è stato quasi naturale occuparmi di Cioccolato. Il “Cibo degli dei” è stata prima una passione personale e poi ho sentito la necessità di approfondire. Non esiste in maniera indifferenziata il cioccolato ma i cioccolati. Uno diverso dall’altro per genetica, percentuale di cacao e ricetta del cioccolatiere. Questa infinita composizione mi ha affascinato e sto cercando di costruire con Compagnia tutti gli strumenti di conoscenza come le schede di degustazione e in generale l’attività didattica.

Studiando e degustando da più di 20 anni tutti i cioccolati prodotti in Italia abbiamo compreso l’evidente necessità di ricercare ed avvalersi di materie prime eccellenti per i cioccolatieri italiani. Per cui dal 2013 Compagnia del Cioccolato sta selezionando i migliori cacao aromatici in Venezuela, la patria del cacao di alta qualità, e li stiamo mettendo a disposizione, piantagione per piantagione in esclusiva ai singoli cioccolatieri. Perché non si può produrre una grande cioccolato senza un grande cacao.


Perché a Lecce?

L’evento di Lecce vuole essere un momento di approfondimento sui cioccolati prodotti da cioccolatieri che si affacciano nel bacino del Mediterraneo. La Puglia e il Salento in particolare sono un ponte ideale verso il mare. Cinque cioccolatieri italiani (Maglio Arte Dolciaria, Sabadì, Gardini Cioccolato, Amedei e Manufatto Cacao) si confrontano con l’ospite israeliano Ika Chocolate.

Il racconto del grande cacao e delle piantagioni viene invece affidato ad un approfondimento sul Venezuela, con video, reportage da piantagioni e interventi di esperti dell’Universidad de los Andes di Merida.

Il tutto presentato a cura dei degustatori ufficiali di Compagnia del Cioccolato in workshop, sale di degustazione e di abbinamento.


Dove si terrà l’evento "Un mare di cacao - I cioccolati del mediterraneo"?

Nell’ex Chiesa di San Francesco della Scarpa/Convitto Palmieri in Via Benedetto Cairoli 15 con ingresso gratuito, dal 4 al 6 novembre 2022.

 

Clicca e scopri il programma dell'evento.

Ascolta l'Intervento di Gilberto Mora alla conferenza stampa di presentazione del Salone Agrogepaciok e del fuorisalone "Un Mare di Cacao ‐ I Cioccolati del Mediterraneo".

03 novembre 2022

24 ottobre 2022

Un mare di cacao-I cioccolati del Mediterraneo

A Lecce dal 4 al 6 novembre un evento di approfondimento sulla cultura del cacao  con una grande paese ospite come il Venezuela e la presentazione di 6 cioccolatieri italiani di città legate al mare e di un cioccolatiere internazionale ospite.

 

23 novembre 2022

Premio “Tavoletta d’Oro” 2023: come partecipare

Scopri come partecipare alla ventunesima edizione della tavoletta d'oro, il concorso che premia i migliori cioccolati presenti sul mercato italiano.

26 settembre 2022

Cioccolato con nocciole… o arachidi? Un inedito storico

Scopri con noi la vera origine del felice matrimonio tra cioccolato e semi oleosi

04 luglio 2022

Oberhöller, cioccolato di montagna

Oberholler, cioccolatieri per passione dell'Alto Adige. La produzione parte dalle fave di cacao di ottima qualità per ottenere fondenti monovarietali e dalle aromatizzazioni delle tipicità territoriali, pino mugo, semi di cembro, melissa, fragole, mele.